Per acquistare il romanzo De Villeroi Templare clicca qui

Support independent publishing: Buy this book on Lulu.

lunedì 25 marzo 2019

Nomi

A una mia amica questa storiella è piaciuta molto.  Buona vita a tuttti.

Un indiano d'America entra nell'ufficio anagrafe della sua città e, rivolto all'impiegato,  dice:
-Voglio cambiare il nome perché il mio è troppo lungo, ugh! -
-E come si chiama? - chiede l'impiegato
-Treno Che Sbuffando E Fischiando Entra In Una Buia Galleria Dopo Avere Attraversato Tutta La Prateria Nell'Aria Tersa Della Primavera. -
-Effettivamente è troppo lungo. E come si vorrebbe chiamare?-
-Tuu Tuu! -

sabato 23 marzo 2019

Spam poetico: Agguanta il mio cuore


E finalmente arriva una poesia del vostro gufo.  Spero vi piacerà.
Buon weekend. 

Agguanta il mio cuore
                                                                 
Agguanta il mio cuore e tienilo stretto,   
Non tormentarlo, non fargli male.
Fa' che lui senta in modo sincero
Che è tornata la primavera. 

Fagli carezze e dolci moine.
Donagli amore in gran quantità. 
Fa' che per certo provi davvero
Ciò che si intende per felicità. 

Ed il dolore sia tosto scacciato
Bieco tiranno perverso e cattivo,\
Come in un sogno di pace sovrana
Risplenda il sole e la sua verità

domenica 24 febbraio 2019

Spam poetico: Pietre rossastre


Pietre  rossastre                                                                


Di pietre rossastre,  non tonde né lisce,
è disseminata questa mia  vita,
pietre rossastre `che si nutrono solo
di ciò che produce il dolore più nero.

Pietre rossastre, con angoli acuti,
che feriscono e tagliano senza misericordia,
che mi hanno lasciato pur stanco ed afflitto
desideroso solo di un sonno infinito.

O giovane donna che in una notte d’inverno,
sospesa mi leggi in un tempo immoto,
apri il tuo cuore all’amore per me,
avvolgimi tutto con la tua calda pietà.

Stringimi al seno e mai mi lasciare,
che fra le tue braccia io rinasca bambino.
E fa’ che un miracolo accada davvero:
che io possa piangere d’amore per  te.

lunedì 4 febbraio 2019

Nelle mie notti - Sergio Endrigo

Sapendo quanto io sia impallato di Sergio Endrigo l'amico Roberto C. mi ha segnalato questo brano del cantautore triestino che sinceramente non conoscevo. Secondo me si tratta di un piccolo gioiello poco conosciuto.
Buona visione e soprattutto buon ascolto.


domenica 13 gennaio 2019

Amore che vieni, amore che vai. - Fabrizio De Andre'

In questi giorni ricorreva il ventennale della morte di Fabrizio De Andrè. Anche il vostro gufo lo vuole ricordare con una sua canzone d'amore molto bella, affascinante,  pensierosa. 
Buon ascolto.


domenica 6 gennaio 2019

Mi va di cantare - Louis Armstrong

Oggi vi propongo una canzone del '68 quando Louis Armstrong andò al festival di Sanremo per proporre questo motivetto in sé abbastanza semplice e banale ma da lui reso molto piacevole e interessante. 
Buona visione.


mercoledì 2 gennaio 2019

Il Condrosarcoma - 3

Al pronto soccorso di San Martino ci siamo arrivati intorno alle 9.30 di venerdì 22 settembre 2017, io quasi completamente immobilizzato in barella, accompagnato da due parenti.
Subito TAC alla testa  e elettrocardiogramma, poi lunga e snervante attesa fio alle 18 circa allorquando mi hanno ricoverato in un reparto di neurologia di cui sinceramente in questo momento mi sfugge il nome e intorno alle 21 prima risonanza magnetica della mia vita.
La prima notte in Neurologia non è stata piacevole anche a causa di un ricoverato accanto al mio letto che urlava e si lamentava, ma  il peggio doveva ancora venire. Il giorno dopo, sabato, mi hanno spostato in una piccola camerata dove i degenti erano decisamente più tranquilli ed è stata una giornata di calma relativa . La vera mazzata l'ho avuta domenica 24 settembre intorno a mezzogiorno.
Senza  tanti giri di parole o indoramenti di pillole un bel medico sulla quarantina mi informò che avevo un bel tumore allocato nelle prime tre vertebre cervicali. Ciò comportava diversi problemi.
Era necessario effettuare una operazione urgente per togliere ciò che si poteva della massa tumorale e mettere due staffe ai lati delle cervicali interessate visto che il tumore le aveva tutte smangiate. Il tutto rivestiva carattere di urgenza considerato lo stato per nulla buono del mio collo.
Ho ascoltato quel medico come in un pessimo sogno e subito non mi sono fortunatamente reso conto dell gravità della situazione.
Quel che è successo dopo ve lo racconterò prossimamente sempre su questo blog.