Per acquistare il romanzo De Villeroi Templare clicca qui

Support independent publishing: Buy this book on Lulu.

venerdì 29 luglio 2016

Chiccata n. 108 - Solitudine

Questa me l'ha mandata Mario, che ringrazio pubblicamente.
Ore liete per tutti

ì

giovedì 28 luglio 2016

Spam poetico: Gambe

La poesia di oggi l'ho scritta  due giorni fa. Spero vi piaccia.
Passatevi ore serene.

                                                                                   Gambe

                                                                                   Quelle tue gambe poco vestite
Appena velate  in un corto short
Paion sfidare il mondo intero
Con la superbia della loro beltà

Sembra che dicano a tutti i maschietti
Noi siam regine  e voi nulla siete
Buoni soltanto a servirci davvero
In schiavitù sognante e sincera.

Gambe nudissime in mezzo alla via
Che accendete il mio desiderio
Gambe da prender per forza  sul serio
Per non cadere in insana pazzia,.


martedì 26 luglio 2016

Chiccata n. 107 - Il dubbio del serpente

Questa è scemissima.
Buona giornata.

Un serpentello giovane si avvicina tutto trafelato al grande e saggio capo dei serpenti e gli chiede:
-Grande capo, grande capo, ma io sssono velenossso? -
-Bah, direi di no, ma perchè vuoi saperlo? -
-Eh sssai, mi sssono morssso la lingua... -


domenica 24 luglio 2016

Spam poetico: Foto sbiadite



Ed ecco a voi la poesia domenicale.
Buona vita a tutti voi.

Foto sbiadite

Foto sbiadite di album d’un tempo
Parlano un linguaggio che or non c’è più
Esse mi ricordano la gioventù
E il cuor d’affetto tutto si riempie.

Quanti errori fatti, quante illusioni
Che ormai vecchie son diventate,
Che discussioni nelle sere d’estate,
Quanti amori persi, che paroloni.

Foto sbiadite, non vi voglio vedere,
Cristallizzate la mia esistenza.
La vita è invece un divenire,
Un fiume in piena che tutto travolge.

Inutile quindi soffermarsi delusi
Su ciò che è stato nel tempo che fu,
Sui nostri amori forse troppo pensati,
Sulle decisioni troppo sbagliate.

Viviamo invece ogni momento
Di quest’esistenza troppo finita.
Senza rimpianti gustiam la vita
In ogni attimo di sentimento.

giovedì 21 luglio 2016

Spam poetico: Ultime primavere

Questa poesia ve la propongo senza commenti.
Buona giornata.


Ultime primavere                
                                       
Quetati cuore, perchè sussulti ancora?  
Passati sono quegli anni lontani        
Di immaginati dolci tremori            
E d'affetti dati man nelle mani.        
                                       
E' ormai tempo di ben riposare          
Tenendo acceso il buon ricordo          
Di tutti gli attimi in cui gli amori    
A tutto il resto ti han reso sordo.    
                                       
Ma forse un poco di giovinezza          
Hai tu nascosto in qualche canto:      
Avverti il bisogno di una carezza      
E dell'amor riprovare l'incanto.        
                                       
Così è giusto ancor palpitare          
E buffamente mostrare al mondo          
Quanto davvero sai ridere e amare      
Senza timore di andare a fondo.        
                                       
Meglio è infatti anche quando è sera
Sempre stupirsi di avere vent'anni
Vivendo così forse con mille affanni
Ma come se fosse sempre primavera.

sabato 16 luglio 2016

Chiccata n. 106 - Due millepiedi

La storiella di oggi è  più che altro una battuta.
Buon weekend.

Cosa fanno due millepiedi che si abbracciano? Logicamente una cerniera lampo!

venerdì 15 luglio 2016

Spam poetico: Freddo è il dolore

No, con  quello che è successo a Nizza una storiella sarebbe molto fuori luogo.
Vi propongo invece questa poesia con un pensiero rivolto alle vittime di ieri notte.
Vi auguro ore serene per quanto possibile.

Freddo è il dolore (un’esortazione)

Freddo è il dolore, funesto l’affanno,
Lame feroci che ghiacciano il cuore
E tutto lo avvolgono in un nero sudario
Duro rendendolo, senza più amore.

Il cinismo poi regna, sovrano cattivo
Che gli affetti impicca quand’ancor son piccini
E disperazione è la sua triste consorte
Che alla speranza chiude e spranga le porte.

O tu, piccol cuore, che hai tanto sofferto,
Ti esorto a strappare quel  gelido velo
Che ti attanaglia e simil ti rende
Di ghiaccio a una pietra che nulla intende.

Con lacrime amare riaccendi il tuo fuoco
Così ritrovando l’affetto perduto
E palpita vivo per un fiore che nasce
O per un’emozione che d’amore si pasce.

giovedì 7 luglio 2016

Spam poetico: Ruggine:

Ed ecco a  voi la consueta poesia del giovedì.
Vi auguro una buona giornata.

Ruggine

Di ruggine strana colore del rame
Tutto è ricoperto l’amor che ho per te
Ed è soffocato e, quasi morente,
Vive soltanto in ricordi lontani.

La tua lontananza ha un aspro sapore
E cattive alchimie infine produce
Che rendono il cuore assai più ottuso
E sordo ad ogni richiamo d’amore.

Ma io so per certo che la tua dolce presenza
Alfin scioglierà questa ruggine amara
Che mi attanaglia in ben triste morsa
Come pinza crudele che il cuore ferisce.

Ti aspetto ogni dì e sono sicuro
Infin di vederti comparire nel sole
E come il ghiaccio che in primavera scompare
Svanirà la ruggine che affligge il mio cuore.

lunedì 4 luglio 2016

Chiccata n. 105 - Saggezza del protone

Questa l'ho treovata su Facebook e mi ha fatto sorridere, spero faccia lo stesso effetto anche a voi.
Buona settimana.


domenica 3 luglio 2016

Spam poetico L'abbraccio che mi dai

L'altro giorno, dopo tanto tempo, sono entrato in un bar. La cameriera mi ha riconosciuto e inaspettatamente mi ha abbracciato.
Le dedico questa poesia.
Buona domenica.

L’abbraccio che mi dai    

L’abbraccio che mi dai
Ha qualcosa d’eterno
Che lenisce ogni
Umano dolore.

In te io mi perdo
E sia pure per poco
In paradiso io  volo
Fino al settimo cielo.

Francesca, ti prego,
Abbracciami ancora,
Fa’ che il tuo cuore
Al mio sia vicino.

Rinnova per me
Quell’antica magia
Che il tuo dolce abbraccio
Porta con sé.