Per acquistare il romanzo De Villeroi Templare clicca qui

Support independent publishing: Buy this book on Lulu.

mercoledì 2 giugno 2010

2 Giugno - Festa della Repubblica - L'Italia vilipesa

Spendo questo post in onore della nostra Repubblica, così come la vollero i padri costituenti, dopo le cruente vicende della seconda guerra mondiale e della guerra partigiana che fu madre appunto della Repubblica Italiana.
Oggi ne ricorre il sessantaquattresimo anniversario e, lo dico con tristezza, fa male al cuore vederla rappresentata da una classe politica, ora al governo, che da una parte, con la Lega, ne vorrebbe di fatto la morte e lo smembramento in più stati autonomi, dall'altra, con il PDL, vede, nella Costituzione, solo dei freni e degli impedimenti a fare ciò che più aggrada al cavalier Banana.
A nessuno viene in mente che forse la Repubblica è casa di tutti e che come tale tutti gli italiani hanno il diritto di trovarsi a proprio agio all'interno delle solide mura delimitate appunto dalla Costituzione.
Così è se vi pare, ma il vostro gufo, nel giorno della di lei festa, vuole dedicare a questa Repubblica, tanto infangata, derisa e vilipesa, un pensiero con l'augurio che questo periodo passi e si possa tornare quanto prima ad essere orgogliosi di essere italiani.

1 commento:

  1. I nostri padri ci hanno regalato con grandi sacrifici quella libertà che noi viviamo tutti i giorni con la Repubblica; la Democrazia non è uno stato che si raggiunge una volta per sempre ma è un'utopia che ci deve pervadere, perchè uno stato democratico non è mai perfetto ma è sempre in divenire
    http://francescoprina.blogspot.com/2010/06/democrazia-un-sentimento-che-ci-deve.html

    RispondiElimina