Per acquistare il romanzo De Villeroi Templare clicca qui

Support independent publishing: Buy this book on Lulu.

domenica 16 maggio 2010

Spam poetico: Crepuscolo

Ebbene sì, o miei ventiquattro lettori e mezzo che mi seguite, il vostro gufo saggio vi regala, visto che è domenica, uno spam poetico fresco di giornata: Crepuscolo.
Non aggiungo altro se non che voglio dedicare questa poesia a G.S., cara amica ritrovata dopo tanto tempo che c'eravamo persi di vista.
Buona lettura o mio manipolo di amici che mi volete bene.


Crepuscolo

Crepuscolo che vieni pian piano da est
Ti prego, donami un poco di pace
E fa’ che l’oscuro che porti con te
Foriero non sia di cattive novelle.

Ti prego, vai piano, crepuscolo mio,
Che il sole ad ovest incendia le nubi
Ed il mare placido si tinge di rosso
In un caldo sogno che diventa realtà.

Fai che ancora io possa godere
Di quest’ultima luce che lenta si spegne,
Che dà un addio pur lieve e leggero
A tutte le forme di vita mortale.

Poi verrà la notte, col buio e il silenzio,
In placida calma che ricorda l’oblio
E forse le stelle o la luna fatata
Corpo daranno a fantasmagorica vita.

Ma te che io prego, crepuscolo mio,
Sarai un dolce ricordo che mi seguirà
Prima che il sonno inventi un nuovo mondo
Dove il sogno incontra la sua verità.

3 commenti:

  1. Struggente... grazie per l'emozione donata

    RispondiElimina
  2. Ok, porta il totale a 25.
    Un mezzo lettore amico di G.S.

    RispondiElimina